Open House, Londra

Open House London

19 Condivisioni

Se adorate non solo la cultura, ma anche l’architettura Londra è la meta ideale per un weekend: fra musei e altri siti dedicati al sapere non basterebbe un’intera vita a vedere tutti i tesori che la City conserva al suo interno.

Oltre a quelli permanentemente accessibili al pubblico, una volta all’anno anche altre dimore private aprono i loro cancelli a turisti e londinesi per farsi apprezzare nel loro splendore: ogni weekend di settembre (il 22 e il 23 quest’anno) la Open House London è un successo che non delude mai le più alte aspettative.

Lanciata nel 1992 per la prima volta proprio a Londra e, in seguito, diffusasi in altre grandi metropoli mondiali (come New York, Roma, Milano, Atene, Tel Aviv, Gerusalemme…) la Open House è un’occasione più unica che rara per ammirare – nel senso letterale della parola – da dentro buona parte di edifici della capitale inglese, di proprietà privata e che altrimenti sarebbero impossibili da visitare.

Oltre all’immediato senso di piacere che un edificio ben progettato e realizzato può suscitare nel visitatore, la Open House London si propone anche altri obiettivi, quali l’educazione e la sensibilizzazione – con un occhio di riguardo alle generazioni future – di un uso consapevole degli spazi per la comunità.

Entrando nello specifico, fra gli edifici che aderiscono all’iniziativa Open House London 2018 spiccano la moderna Roca London Gallery, frutto del talento dello studio Zaha Hadid che vanta una particolare architettura ispirata alla forza modellatrice dell’acqua, e la luminosa Skinner-Trevino House che con i suoi numerosi elementi in vetro ha cambiato decisamente volto dall’originario progetto vittoriano.

Per chi preferisse linee più tradizionali, Burlington House è un vero polo del sapere: in una struttura del XVII secolo, troviamo alcune delle principali istituzioni culturali inglesi quali la Royal Society of Chemistry, la Linnean Society of London e la Royal Astronomical Society; inoltre, fa parte del complesso la Clissold House e le sua famosa veranda sulla facciata occidentale.

Per chi avesse un debole per i posti molto regali, the White House vanta sfarzosi interni in marmo, con suppellettili di elevato pregio, mentre the Inner Temple, Middle Temple e Temple Church sono particolarmente suggestivi da visitare.
Dalla concezione tipicamente contemporanea, il Wembley Park invece sarà una bella scoperta di come in un’area di 85 acri (più di 34 ettari) possono convivere edifici residenziali, commerciali e di intrattenimento.

Insomma, ieri, oggi e domani caratterizzano le varie residenze e i vari edifici che aderiscono all’edizione di quest’anno di Open House a Londra che, come sempre, ci permetterà di vivere un interessante viaggio nel mondo dell’architettura; non di meno, l’iniziativa strizza l’occhio anche alle famiglie, con diverse attività per i più piccoli: basta davvero poco per trasformare siti all’apparenza per un pubblico di élite in mete per tutta la famiglia… se non ci credete fate un salto a St Helene Bishopgate o a The Temple Church, storiche chiese di Londra che in questo weekend si renderanno interessanti anche agli occhi dei più piccoli.

Dunque, nel vostro viaggio a Londra non perdete assolutamente l’occasione di visitare, di farvi raccontare e illustrare da guide specializzate questi bei monumenti: l’ingresso è, per giunta, gratuito e solo alcuni siti richiedono preventivamente una prenotazione… meglio di così proprio non si potrebbe chiedere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.